trasloco richiesta voltura oppure subentro

Subentro e Voltura: cosa sono, quando richiederli e quanto costano

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su reddit
Reddit
Condividi su digg
Digg
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
trasloco richiesta voltura oppure subentro

Tra le pratiche richieste per l’attivazione a proprio nome di una fornitura di energia elettrica ci sono la voltura e il subentro. Entrambe si richiedono al fornitore di energia elettrica ma non sono equivalenti: una si richiede quando la fornitura è attiva, mentre l’altra serve a riattivare una fornitura già utilizzata in passato ma al momento non più attiva.

Il Mercato di Maggior Tutela, per le forniture ad uso abitativo, chiuderà definitivamente il 1 Gennaio 2022.

Se sei ancora nel mercato tutelato non aspettare oltre.

Passa al mercato libero scegliendo Enermed, chiamando il nostro numero verde 800 616 008.

Un nostro consulente, un energy coach, potrà darti tutte le informazioni di cui hai bisogno per cambiare mercato in tutta tranquillità.

Scegli Enermed. Scegli energia verde prodotta al 100% in Sardegna.

Il subentro è la pratica di riattivazione di una fornitura già utilizzata in passato che però è stata disattivata dal precedente intestatario. 

Può essere richiesta a qualsiasi fornitore e i tempi per la riattivazione dipendono dal Distributore Locale di Energia Elettrica, che provvede a riattivare la fornitura entro entro 7 giorni lavorativi dalla richiesta, come previsto da ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).

Quando richiedere un subentro

Il subentro si richiede per riattivare una fornitura di energia elettrica disattivata già utilizzata in passato, almeno una volta.

Come si richiede un subentro

Il subentro può essere chiesto a qualsiasi fornitore, per questo è importante sceglierlo da subito nel modo giusto.

Per richiederlo dovrai fornire:

  • Codice POD della fornitura
  • Nome e cognome del nuovo intestatario della fornitura
  • Codice Fiscale dell’intestatario
  • Indirizzo esatto della fornitura
  • Indirizzo di fatturazione (utile nel caso in cui voglia ricevere la bolletta via posta)
  • Codice IBAN (facoltativo, per l’attivazione della domiciliazione automatica dei pagamenti)

 

Le letture del contatore non sono necessarie: vengono rilevate dal distributore pochi istanti prima della riattivazione e verranno usate dal fornitore come base di partenza per il calcolo dei consumi.

La riattivazione avviene da remoto, quindi non si devono fare lavori in casa o all’esterno (a parte sollevare la leva del contatore, ma questo dovrai farlo tu).

Quanto costa il subentro

Nel Mercato Libero il subentro ha un costo di circa 36 € + IVA (al 22%) diviso in questo modo:

  • Oneri Amministrativi 10 € + IVA
  • Distributore Locale 25,81 € + IVA

 

A questi potrebbe aggiungersi una quota relativa al deposito cauzionale richiesto da molti fornitori nel caso in cui venga scelto, come metodo di pagamento, il bollettino postale.

Cos’è la voltura

La voltura serve per cambiare intestatario ad una fornitura di energia elettrica ancora attiva con un fornitore. La prima cosa da fare, naturalmente, è sapere quale fornitore gestisce il contratto per la fornitura di cui vuoi richiedere la voltura. La pratica viene conclusa entro 7 giorni lavorativi.

Quando richiedere una voltura

Puoi richiedere la voltura quando hai intenzione di diventare l’intestatario di una fornitura di energia elettrica ancora attiva

L’esempio più semplice è quello che può capitare durante un trasloco, se il vecchio inquilino dell’appartamento non ha richiesto la disattivazione della fornitura.

Nel caso in cui ci si debba intestare la fornitura attiva a nome di una persona deceduta è necessario fare richiesta della cosiddetta “voltura mortis causa”.

Come si richiede una voltura

La voltura si richiede al fornitore di energia elettrica che gestisce quella determinata fornitura. Il nome del fornitore, così come i recapiti telefonici, si possono trovare facilmente su una bolletta recente, oppure si può chiedere all’intestatario uscente (la persona che risulta essere titolare della fornitura).

Per richiederla dovrai fornire:

  • Codice POD della fornitura
  • Le letture del contatore
  • Nome e cognome del nuovo intestatario della fornitura
  • Codice Fiscale del nuovo intestatario
  • Indirizzo esatto della fornitura
  • Indirizzo di fatturazione (utile nel caso in cui voglia ricevere la bolletta via posta)
  • Codice IBAN (facoltativo, per l’attivazione della domiciliazione automatica dei pagamenti)

 

Durante tutta la procedura la fornitura rimane attiva e non ci sono lavori da fare in casa o sul contatore.

Quanto costa la voltura

Nel Mercato Libero la voltura ha un costo di circa 36 € + IVA (al 22%) diviso in questo modo:

  • Oneri Amministrativi 10 € + IVA
  • Distributore Locale 25,81 € + IVA

A questi potrebbe aggiungersi una quota relativa al deposito cauzionale richiesto da molti fornitori nel caso in cui venga scelto, come metodo di pagamento, il bollettino postale.

E se non conosco il fornitore?

Se non conosci il fornitore presso cui è attiva la fornitura per cui vuoi chiedere la voltura, puoi rivolgerti  allo  Sportello per il Consumatore di energia.

Lo Sportello fornisce al richiedente i dati richiesti entro 10 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta.

E se il precedente intestatario è moroso?

Se il precedente intestatario non ha pagato le bollette e la fornitura risulta sospesa, il fornitore avvia la pratica di annullamento della sospensione della fornitura nel momento in cui fai la richiesta di voltura a tuo nome. 

Naturalmente nessun fornitore potrà chiederti di pagare al posto del precedente intestatario, ma ci saranno da aspettare i tempi tecnici di ripristino del servizio, sempre all’interno di quelli previsti dalla voltura.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su reddit
Reddit
Condividi su digg
Digg
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Altro dal nostro blog

come leggere la bolletta luce

Come si legge la bolletta della luce?

In questo articolo spieghiamo come si legge la bolletta della luce, un argomento importante che interessa gli utenti di ogni fornitore di

comunita energetiche

Comunità energetiche: il nuovo decreto

A distanza di pochi mesi dalla pubblicazione del nostro articolo sulle comunità energetiche, la produzione di energia da fonti rinnovabili è stata

Lascia un commento